PROFUMI NATURALI

UN UMILE SOGNO

Photo by Ylanite Koppens on Pexels.com

Ogni aspetto di questa realtà è dualistica,

ovvero ogni cosa ha il suo opposto.

Ho un sogno che sta nel mezzo tra magia e scienza.

MAGIA.

La linea tra magia spirituale e superstizione è sottile. Ci vuole poco a confondere una sana spiritualità con le cialtronerie da fattucchiera di bassa estrazione. Vedo spesso intorno a me una pratica esoterica che è solo nelle forme esterne dei suoi strumenti, ma che di energetico e di vibrante ha solo il marketing che ci sta attorno. Roba “made in China” magari da schiavi del sistema che nei prodotti che realizzano non possono mettere altro che stanchezza, disillusione, sofferenza, indifferenza e nel peggiore dei casi, odio per quello che producono. Tutto tranne che amore, gratitudine, gioia, speranza e desiderio di mandare il bene a chi utilizzerà quegli oggetti. La magia vera, per come la vivo io è altra cosa. La trovo nella fantasia, nelle forme dei fiori, delle piante, nelle somiglianze tra cose apparentemente estranee tra loro. La trovo nel preparare liquori o biscotti, quando camminando tra i boschi incontro una pianta che mi stava aspettando. La trovo nel mio essere e nel mio agire, nella mia manualità, nello scrivere con la penna, nel fare candele o qualunque altra cosa quando sono davvero ispirata.

SCIENZA.

Chi nega in toto la magia invece, spesso si butta in un razionalismo estremo del tipo “tutto quello che esiste è solo quello che vedi o che puoi misurare strumentalmente”. Lo scientismo estremo ha preso una piega che sta sfociando nella disumanizzazione della vita. La scienza per la scienza. Un oncologo che ricordo sempre con grande stima, mi disse che il 50% della guarigione lo fa la terapia farmacologica, l’altro 50% lo fa la persona. Quest’ultimo 50 è composto dal suo atteggiamento, dal suo modo di porsi di fronte alla situazione, dal modo in cui si prende cura della sua energia interiore. Questa parte si nutre di spiritualità, di bellezza, di fiducia in quello che non vediamo, di amore per sé stessi. Ho una formazione accademica scientifica, ma ho sempre cercato la magia e l’imponderabile nel mondo e dentro di me.

Magia e scienza. ecco le due facce che nella storia a volte si sono mescolate, a volte sono state in contrasto tra loro, che forse nonostante le loro contraddizioni interne, sono due lati della stessa cosa, un frammento di conoscenza, una consolazione offerta all’essere umano chissà quando e chissà come.

La via dell’equilibrio sta sempre nel mezzo e io ho un sogno:

una scienza guidata oltre che dal pensiero anche dalla spiritualità, che è al servizio della Natura e del bene di tutti altrimenti le mancherà sempre un 50%; una spiritualità che è pura connessione con il divino dentro di noi, senza imposizioni dogmatiche e falsi simboli, perché quelli autentici, sono nella struttura delle forme del mondo naturale. Sogno che le persone non abbiano paura, ma che riescano a ritrovare fiducia negli altri. unione, condivisione e forza.

Ogni aspetto di questa realtà è dualistica,

ovvero ogni cosa ha il suo opposto.

Ho un sogno che sta nel mezzo tra magia e scienza.

Standard